Crea sito

Trapani Calcio Campionato 1997/98

La Storia

 

Campionato 1997-98
Serie C2 Girone D

Dopo la retrocessione per tutta l'estate si insegue il ripescaggio, e ,quando sembra fatta, arriva l'ammissione in extremis dell'Ischia Isolaverde, ammissione abbastanza discutibile (infatti l'Ischia fallirà l'anno seguente!) che impedisce ai granata di tornare in C-1 immediatamente .Quindi sarà C-2, e ancora una volta sarà rivoluzione. Nuovo allenatore è il giovane Giovanni Pagliari, della squadra dell'anno prima ne rimangono davvero pochi. Fra i nuovi giocatori i più rappresentativi sono il locale Lo Bue, il roccioso Matarese, la coppia centrale Cataldi Esposito, i terzini Fusco e Colletto, la'ttaccante Mosca, il fantasista Zaini e l'acquisto di marzo Giancarlo Ferrara, attaccante con esperienze anche in serie B a Palermo. Passato il girone di Coppa (contro Acireale, Marsala, Catania e Juve Terranova Gela) si è poi eliminati dal Palermo nel turno successivo (1-1 a Trapani con gol di Lo Bue e sconfitta per 3-1 a Palermo con gol di Gianguzzo). In campionato l'inizio è disastroso: dopo un pareggio esterno (1-1 con l'Albanova ovvero il Casale Bonito che qualche anno prima aveva conteso ai granata la vittoria in interrgionale) arriva la sconfitta interna col Frosinone e le polemiche divampano. Il Trapani si rifà subito battendo il Castrovillari e andando a vincere a Crotone, e, mentre a casa si pareggia spesso, in trasferta si vince ancora a Bisceglie (2-0) e nel derby di Marsala (1-0 con gol di Mosca nel finale).

Un capitolo a parte merita la partita di Olbia del 16 novembre che influì parecchio sull'andamento del campionato del Trapani. La partita finì 1-1 sul campo con i gol di Bencistà per i sardi e il pareggio su rigore di Mosca, coi granata incapaci di approfittare della doppia superiorità numerica. Tutta la partita si svolse in un clima intimidatorio ed era stata sospesa due volte nel corso del primo tempo e quando terminò la partita l'arbitro Dario Alario e i suoi collaboratori vennero pestati in campo e negli spogliatoi. Il giudice sportivo inflisse la squalifica al campo sardo per oltre un anno (fino al 31 dicembre 1998), la penalizzazione di 8 punti in classifica, confermò invece il risultato di parita' (1 - 1).
Il 19 dicembre la Commissione Disciplinare assegna invece la vittoria a tavolino ai granata e riduce la penalizzazione ai sardi da 8 a 5 punti.
La parola finale come sempre spetta alla CAF, che , con colpevole ritardo (il 7 di maggio!), ribalta tutto e conferma l'1-1 del campo.
Non furono certamente questi due punti a determinare l'esito finale, ma fu certamente inadeguata la gestione della questione da parte degli organi competenti.

Tornando al campionato, il 3-0 del 28 dicembre col Catania in casa consente di agganciare la testa della classifica, e il successivo 1-0 di Avezzano da la prima posizione in solitario. Il campionato procede con molto equilibrio con i granata che sono sempre contrastati dal Marsala, dal Crotone, dal Benevento e dal Sora, squadre che si contenderanno le prime posizioni fino alla fine.
All'importantissimo derby di ritorno col Marsala si arriva con i marsalesi in testa e col Trapani ad inseguire a un punto. Quel giorno, in un Provinciale gremito, fu una partita memorabile, con i marsalesi che passarono in vantaggio con Di Renzo e i trapanesi che pareggiarono grazie a una splendida bordata di Ferrara. Il Marsala fu cinto d'assedio fino alla fine, ma il risultato non cambiò. Dopo ci fu una vittoria a Chieti e una disgraziata partita interna col Catanzaro (persa per 3-1). Ma alla fine qualcosa si ruppe e dopo la sconfitta a Gela (2-1), si perse pure in casa col Sora (1-0) e 4 giorni dopo furono tolti dalla CAF i due punti relativi alla partita di Olbia! Una mazzata dietro l'altra per i granata che comunque riuscirono vincendo l'ultima partita contro l'Avezzano (3-2) ad agganciare la quinta posizione ed furono play-off.
Ma anche ai play-off il Trapani dimostra di aver perso lo smalto della parte centrale del campionato.
All'1-1 in casa seguì una sconfitta a Crotone che sancì l'eliminazione dei granata. Fu lo stesso Crotone che vincendo i play-off affiancò il Marsala in C-1.

Classifica finale:
Marsala 61
Crotone 57
Benevento 57
Sora 55
Trapani 53
Catanzaro 48
Castrovillari 48
Bisceglie 45
Tricase 44
Catania 43
Pontedera 43
Cavese 41
Astrea 39
Juveterranova Gela 35
Albanova 34
Frosinone 33
Chieti 33
Olbia 31

Play-off:
Trapani-Crotone 1-1
Crotone-Trapani 1-0


Giovanni Pagliari


Trapani 1997-98
In piedi: Cataldi, Fusco, Esposito, Dei, Mosca e Incrivaglia.
Accosciati: Matarese, Lo Bue, Gianguzzo, Zaini e De Gregorio.


I tifosi trapanesi, presenti in massa al Municipale di Marsala il giorno 26 ottobre 1997.
Quel giorno il Trapani sbancò il campo marsalese con un gol di Peppe Mosca nei minuti finali.

image
La splendida coreografia della gradinata prima del derby Trapani-Marsala 1-1.
era il 15 marzo 1998, e la partita finì 1-1 con il gol nel primo tempo di Di Renzo per gli azzurri e il pareggio di Ferrara per i granata nella ripresa.