Crea sito

Trapani Calcio Campionato 1992/93

La Storia

 

Campionato 1992-93
Interregionale Girone H

Al terzo anno dell'era Bulgarella si parte con tutte le buone intenzioni di vincere il campionato, e nonostante la perdita di un pezzo pregiato in estate (Nicola Sciacca volato in serie A a Foggia) l'organico allestito è di tutto rispetto. La prima estiva in Coppa Italia propone però una sconfitta 2-1 a Partinico, ma il Trapani battendo i sardi del Selargius per 3-0 passa il triangolare. Successivamente in Coppa il Trapani supera Comiso e Marsala per poi essere eliminato dalla Cariatese.
Ma veniamo al campionato. Trapani che vince le prime due (2-0 casalingo contro l'Arzanese e 2-1 a Genzano contro la locale Cynthia), ma poi tre pareggi raffreddano l'entusiasmo e ci sono i primi mugugni dei tifosi. Ma proprio nel momento di difficoltà i granata mostrano la loro forza. battuto il Terracina per 3-0 al Provinciale il calendario propone due derby in trasferta, prima a Marsala e poi a Mazara. A Marsala il Trapani va sotto, ma con un rigore di Barraco e poi con Capizzi (grazie anche ad un clamoroso errore del portiere azzurro Polessi) sbanca il Municipale e lancia un segnale forte alle pretendenti alla vittoria finale. La domenica successiva la storia si ripete: Mazara in vantaggio, ma Santaniello, Barraco e Di Meo
ribaltano la partita consegnando altri due preziosi punti per le ambizioni dei granata. Forse questa doppia vittoria fuori casa da la consapevolezza alla squadra e alla tifoseria che può essere l'anno giusto. La squadra fa risultati positivi con continuità, l'unica sconfitta arriva in quel di Casal di Principe contro il Casale Bonito per 2-0. Poi tranne qualche pareggio interno (ricordiamo l'1-1 contro il Particaudace e il rocambolesco 2-2 casalingo con la Folgore), in casa si vince sempre e in trasferta si vince abbastanza, ma comunque si arriva a sei giornate dalla fine a pari punti col Casale Bonito e con lo scontro diretto al Provinciale. In un provinciale pieno in ogni ordine di posti il Trapani regola per 2-1 (Cavataio di testa e Barraco per i granata) il Casale Bonito e quando mancano 5 partite è in testa con due punti di vantaggio.
Il Trapani a questo punto non si ferma più e vince 2-0 a Frosinone, 1-0 ad Aversa, 5-0 in casa con la Paganese, 3-1 in casa col Latina, ma ancora non basta. Anche il Casale ha vinto le sue quattro partite e continua a inseguire i granata a soli due punti. Bisogna dunque almeno pareggiare l'ultima partita a Portici contro il derelitto e già retrocesso Campania. Ma per non sbagliare il Trapani va per vincere, e forte della sua superiorità vince per 4-0 con doppietta di Barraco e un gol a testa di Santaniello ed Orlando. Il 16 maggio 1993 la serie C-2 persa ingloriosamente qualche anno prima viene riconquistata.
La città falcata si colora di granata e lunghi caroselli di auto l'attraversano: è l'apoteosi.
La classifica dei cannonieri vede in testa Barraco con ben 24 reti, seguito da Capizzi con 12 e Santaniello con 7.
Successivamente il Trapani in qualità di vincente del girone partecipa al torneo che assegnerà lo scudetto dilettanti. L'avventura dura poco: infatti inserito nel girone con Battipagliese e Fasano il Trapani colleziona solo un pari (col Fasano al Provinciale per 2-2) e una sconfitta (4-0 a Battipaglia).

Classifica:
1. TRAPANI 54
2. Casale Bonito 52
3. Isola Liri 44
4. Marsala 42
5. Partinico 42
6. Arzanese 35
7. Latina 35
8. Folgore 35
9. Scafatese 35
10. Gabbiano NA 34
11. Gangi 34
12. Real Aversa 32
13. Frosinone 29
14. Mazara 28
15. Paganese 28
16. Terracina 27
17. Campania 17
18. Cynthia 8


.....................Gaetano Capizzi


Il Capocannoniere Nino Barraco (24 reti).